A differenza del windsurf, il motocross mi ha interessato da sempre. Diciamo che le moto mi sono sempre piaciute e mi piacciono tutt’ora. Mi piace perchè è uno sport molto tecnico e instauri un rapporto con la tua moto molto intenso. Impari a conoscerne le dinamiche del telaio e delle sospensioni.

1982 Il Fantic

Al tempo si andava nelle cave con un Fantic Caballero 50. Solo all’età di 28 anni sono entrato in una pista da cross vera e li è stato subito amore.

1996 Mi regalano un KTM

Al tempo stavamo costruendo una tavola da surf e nel garage del mio amico e vedo una moto da cross. Disse che era sua e non la usava più. Me la regalò…

1997 Honda CR 250

Un piccolo passo per il motocross un balzo in avanti per Paolo

1999 Prima entrata in una pista vera

Avevo un Kawasaki KX250 e con il mio amico Eros andavamo ad allenarci in pista a Lodi, Chieve, Dorno

2004 Mi piace sempre più

Cerco di allenarmi almeno 1 o 2 volte in pista la settimana

2006 Diventa un lavoro

Con il mio socio Marco avviamo B100.it un sito per realizzare le grafiche personalizzate per motocross e offroad in generale. Siamo tra i primi in Italia a stampare seriamente in digitale su crystall e primi al mondo a dare un servizio di configurazione online con configuratori.

2007 Crack

Ci sono momenti in cui fai i conti con il dolore, quello vero. Con la paura di non poter fare più le cose che ti piacciono, e quel giorno arrivò.

Ebbene si, ho fatto crack

Ho fatto un disastro con un lungo su un saltone. Posizione dell’avampiede sbagliata e la forte compressione della discesa ha compromesso astragalo e tibia…Ho rischiato di non avere più la caviglia. Ora ho dei limiti nell’articolazione.

La cosa di cui vado fiero è che dopo un anno di stampelle, camere iperbariche, fisioterapie, riabilitazione, non ho voluto smettere il motocross per la paura, non ho voluto darla vinta alla paura. Volevo che se avessi deciso di smettere sarebbe stato perchè non mi avrebbe più divertito e non per la paura.
Così, ricomincio piano piano a riprendermi i miei riferimenti e limiti che la caviglia mi imponeva e mi impone tutt’ora. Non è un capitolo chiuso ma è li latente, e prima o poi si farà sentire.

2010 Meglio di prima

Non solo sono riuscito a rimettermi in sella ma sono pure migliorato. Sia chiaro, il mio modo di guidare è semplice e di uno che si diverte, ma vincere i blocchi mentali e fisici mi rende veramente orgoglioso di come oggi giro in pista.

2013 Promozione sulle piste

Il lavoro e gli action sport fanno parte della mia vita e del mio lavoro, quanto di più bello?
Realizzare ed inventare cose mai create, sperimentarle e proporle in pista o sugli spot. Bellissime esperienze.

2018-2020 Quasi quasi smetto!

Soliti conti che la vita ti presenta o situazioni che accadono per tua o non tua volontà che ti portano a vedere tutto nero. Insoddisfazione, insicurezza sensazione di inadeguatezza. Lo sviluppo di internet, il lavoro è diventato una cosa che chiunque anche senza nessuna voce in capitolo può fare. Insomma tutte cose che mi hanno fatto perdere la voglia sia di andare in moto che del mio lavoro. Mi ero poi buttato nel calisthenics e li si che avevo delle grandi soddisfazioni e sinceramente non volevo perdere i risultati ottenuti. Così meditavo di vendere baracca e burattini. Ma…

2021 Mio figlio

Papà, non è che mi faresti provare? Pronti via. Tutto ricomincia a tuono.
Ti senti utile, stai passando una grande passione a tuo figlio ed un giorno si ricorderà. Ricomincio con lui, gli insegno quello che so e curiamo molto la sicurezza e la tecnica. La posizione ed il controllo.

2022 Un motocross diverso

Sicuramente non è il motocross che facevo anni fa ma sicuramente di qualità. Mi godo ogni curva e ogni salto. Cerco sempre un miglioramento nello stile e sono consapevole che ci si ferma è perduto.

You may also like

Leave a reply

More in Bio